Blog: http://dirittodiresistenza.ilcannocchiale.it

Il puttaniere che combatte la prostituzione

Alcuni presunti commentatori indipendenti pensano che questi siano fatterelli privati. Si debba guardare a "ben altro". Si dimenticano che quello che oggi si scopre riempisse la sua villa di puttane da 2.000 euro al giorno, ieri, per mano della pseudo ministra carfagna, faceva una legge contro la prostituzione.

Avevo scritto vari articoli su quell'assurda legge. Infatti non era una legge contro la prostituzione bensì una legge che puniva "la contrattazione per strada con la prostituta". Questo significa salvaguardare il ricco imprenditore che alza il telefono e si fa mandare a casa una escort di lusso.

Quindi, a ragion dei fatti, una legge sulle puttane "ad personam". Dato che come abbiamo visto berlusconi le puttane se le fa tranquillamente mandare a casa, e non deve girare in macchina per strada e contrattare la prestazione.

Ora gli italiani (senza G) che sono più intelligenti dei vari commentatori itaGliani (con la G) questa incoerenza la vedono, anche se i suddetti commentatori cercano di far passare l'idea che sia robetta di poco conto. 

La coerenza delle idee è il fondamento della carriera politica. Mentre è difficile spiegare come la legge sulle rogatorie servisse a bloccare i suoi processi. Come i cavilli della legge sulle intercettazioni servano a renderle impossibile. E' facilissimo spiegare che chi fa leggi contro la prostituzione poi va a puttane. Questo loro lo sanno. Travaglio nel suo ultimo articolo, putroppo, afferma di non averlo ancora capito. Si chiede come sia possibile nessun clamore abbiano suscitato le accuse di mafia e molto quelle di essere un puttaniere.

Questo non è un fatterello da lasciare passare. Questa è un enorme incoerenza politica dove continuare a colpire. Se lo iettatorenano riuscirà a superare anche questa perchè la stampa insisterà che i problemi sono "ben altri", facciano il favore di cambiare mestiere. Perchè una stampa "libera" che non abbatte un dittatorello quando sta barcollando sulla torre non merita di esistere.

Pubblicato il 21/6/2009 alle 16.44 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web